Lutto in famiglia

  1. Vai alla navigazione
  2. Vai all navigazione secondaria
  3. Vai al contenuto
 
 
 
Lutto in famiglia
 
www.centroconsumatori.tn.it/144d243.html
 

Navigazione secondaria

Casa, bilancio familiare, tessili
 

Contenuto

Lutto in famiglia, cosa fare

Quando si verifica un evento luttuoso, i parenti o congiunti del defunto devono prendere molte decisioni. Più si è preparati ad affrontare un simile momento, minore è il rischio di fare acquisti incauti o superflui. I cittadini bene informati, inoltre, possono contribuire a rendere più trasparente in futuro il mercato del caro estinto.

Informazioni sui servizi funebri

  • Riflettete per tempo sul tipo di funerale che vorreste, raccogliete informazioni e parlate con i vostri parenti delle decisioni prese o mettetele per iscritto. Risparmierete dubbi, incertezze e spese a chi rimane.
  • Richiedete delle offerte scritte alle imprese di pompe funebri. I prezzi per gli stessi servizi possono variare anche del 100 %!
  • Ufficialmente non esistono vincoli territoriali per gli operatori, sicché potete rivolgervi anche a un'impresa al di fuori dalla vostra località, la quale tuttavia è tenuta a informarsi sugli usi funebri locali.
  • Per avviare le procedure del caso, l'impresa ha bisogno di un documento d'identità del defunto ed eventualmente di una sua foto per i necrologi e gli avvisi funebri, nonché di un documento della persona che contatta il servizio di pompe funebri.
  • I prezzi per la bara e il trasporto sono molto alti e possono variare moltissimo la città a città. Attenzione: richiedere sempre un preventivo.
  • Chi fa un viaggio all'estero dovrebbe stipulare un'assicurazione per il recupero della salma in caso di decesso.
  • Per la cremazione vengono accettate solo casse non trattate. Materiali non trattati andrebbero utilizzati per motivi ecologici anche in caso di sepoltura in terra, evitando in particolare i legni tropicali.
  • Se la cremazione è preceduta da un funerale tradizionale, si aggiungono naturalmente le spese per questa cerimonia (escluse le spese per l'apertura e chiusura della tomba).
  • Per erigere la lapide o la croce sulla tomba del congiunto avete tempo almeno un anno! Evitate pertanto di farvi indurre ad acquisti poco meditati nei giorni e nelle settimane immediatamente successive al funerale.
  • Pubblicare i ringraziamenti sui bollettini comunali costa molto meno che sui quotidiani.
  • Le spese sostenute per le esequie di un congiunto possono essere dedotte dalla dichiarazione dei redditi per un importo pari a 1.500,00 €.
  • Incidenti mortali: conformemente alla circolare del ministero della Sanità n. 24/1993, i Comuni sono tenuti ad accollarsi le spese di recupero della salma. I parenti del defunto possono chiedere al Comune il rimborso delle spese dietro presentazione del verbale d'infortunio. I Comuni hanno facoltà di emanare norme in deroga alla presente disposizione
.
In caso di morte ci sono molte cose da sistemare e da pagare - fatevi fare sempre prima dei preventivi:
  • Composizione salma, chiusura e sigillatura del feretro, documenti per la sepoltura, trasporto entro i confini comunali, esposizione del feretro nella cappella del cimitero (o in casa)
  • Organizzazione e assistenza durante la cerimonia
  • Bara compreso accessori
  • Lavoro dei necrofori
  • Messa e sacerdote officiante (eventuali)
  • Corone di fiori
  • Fiori per il feretro
  • Partecipazioni
  • Necrologi sui giornali
  • Avvisi mortuari
  • Costo per la tomba
  • Apertura e chiusura della tomba
  • Accompagnamento musicale
  • Offerte per aiutanti, chierichetti ecc.
  • Corredo della tomba (lapide, croce)

Altre spese accessorie:

L'Ufficio Funerario del Comune di Trento ha realizzato una guida che ha lo
scopo di aiutare i cittadini colpiti dalla perdita di un loro familiare a
districarsi fra le numerose incombenze conseguenti al lutto per
regolarizzare le posizioni e rapporti attivati dal defunto quando era in vita.

http://www.comune.trento.it/Aree-tematiche/Servizi-funerari-e-cimiteriali/Documenti-e-pubblicazioni/E-adesso-Informazioni-sul-cosa-c-e-da-fare-in-seguito-al-decesso-di-un-familiare-Le-guide-del-Comune-anno-2015


Foglio Info CT01
Situazione al 04.05.2016


 
 

stamparespedireTop
Centro di Ricerca e Tutela dei Consumatori e degli Utenti - via Petrarca, 32 - 38100 Trento
Tel. 0461-984751 | Fax 0461-265699 | Orario: Lun - Ven 10 - 12 e 15 - 17
www.centroconsumatori.tn.it | info@centroconsumatori.tn.it