Commercio equo e solidale

  1. Vai alla navigazione
  2. Vai all navigazione secondaria
  3. Vai al contenuto
 
 
 
Commercio equo e solidale
 
www.centroconsumatori.tn.it/150d298.html
 

Navigazione secondaria

Consumo critico
 

Contenuto

Commercio equo e solidale

Chi produce e chi guadagna

Il mondo di oggi è paragonabile a un unico grande mercato. Alcuni producono, altri distribuiscono, altri ancora – ultimo anello della catena – acquistano. Mentre però i consumatori finali pagano le merci a un prezzo che ne ripaga ampiamente il costo di produzione, spesso i produttori all'origine non guadagnano nemmeno abbastanza per sopravvivere. Tra produttore e consumatore si inseriscono infatti intermediari e multinazionali che hanno in mano la distribuzione delle merci nel mondo. Sono loro ad arricchirsi più di tutti e a realizzare enormi profitti col lavoro altrui.

Lavoro e miseria


I piccoli coltivatori e i braccianti agricoli lavorano in condizioni spesso inaccettabili, con salari da fame e senza alcun tipo di assicurazione sociale, di tutela sindacale e di assistenza sanitaria. Di loro parlano tante immagini di miseria che giungono quotidianamente in casa nostra attraverso la televisione.

Misure davvero efficaci

La formula per porre fine a questa situazione di ingiustizia e sfruttamento è "commercio equo e solidale", un sistema che si basa sul rapporto diretto con i produttori del Sud del mondo, sull'incentivazione di metodi di produzione rispettosi della dignità umana e dell'ambiente, come pure su garanzie minime quali il prefinanziamento degli ordinativi e un equo prezzo di acquisto all'origine. Questa forma alternativa al commercio tradizionale ha favorito la nascita di cooperative di produttori e distributori locali. Oggi gli agricoltori e i braccianti coinvolti in progetti equi e solidali possono contare non solo su un reddito sicuro, ma anche sulla possibilità di mandare a scuola i propri figli e di avere un'assistenza medica di base per la propria famiglia.

Il potere dei consumatori sulle politiche di mercato


Il "commercio equo e solidale" si regge essenzialmente sul comportamento dei consumatori finali. Chi acquista regolarmente i prodotti del commercio equo sostiene di fatto i produttori nei paesi d'origine delle merci e influenza i grandi circuiti commerciali, assumendo un ruolo tutt'altro che secondario nella determinazione delle politiche di mercato. Purtroppo, non tutti i consumatori sono pienamente consapevoli di questo loro potere.

Foglio info CC01
Situazione al 13.06.2018
 
 

stamparespedireTop
Centro di Ricerca e Tutela dei Consumatori e degli Utenti - via Petrarca, 32 - 38100 Trento
Tel. 0461-984751 | Fax 0461-265699 | Orario: Lun - Ven 10 - 12 e 15 - 17
www.centroconsumatori.tn.it | info@centroconsumatori.tn.it